…e se cambio, che succede?

Una delle maggiori ritrosie nel lanciarsi verso il cambiamento è la paura dell’ignoto. In realtà, se analizziamo qualsiasi tipo di azione volta al miglioramento della propria situazione possiamo soffermarci o sul bicchiere mezzo vuoto o su quello mezzo pieno, dipende da te. Non si tratta di dedicarsi al “pensiero positivo”, tipo Jovanotti, ma di realizzare […]

Continua a leggere

Si può cambiare

Che cosa si può cambiare? Tutto. Non esistono limiti, se non quelli che ci imponiamo o che la mente impone, per comandare. Ci sono delle valide strategie che permettono di rivoluzionare completamente la vita, sia che si tratti della sfera personale, professionale, affettiva, lavorativa o qualsiasi altra, se hai un perché. La base indispensabile sta […]

Continua a leggere

Cambiamento: perché?

Sento spesso parlare del desiderio di cambiamento: alcuni auspicano di cambiare vita, altri cercano di voltare pagina, ma pochi danno realmente l’impulso affinché si metta in moto il processo che può portare verso una vita migliore e gratificante. Vi dico un po’ di cose a cui ho pensato recentemente. Il cambiamento Moltissime persone sono sopraffatte dal […]

Continua a leggere

Tiáo Shēn (調身) – Regolare il corpo

 Una delle cinque capacità per raggiungere la consapevolezza che cerchiamo è Tiáo Shēn (調身), il saper “regolare il corpo”. Purtroppo spesso lo si trova scritto su libri, siti e quant’altro, ma non mi pare che se ne sia mai data una spiegazione efficace. Ci provo Conosciamo già gli ideogrammi 調 e 身, quindi non mi […]

Continua a leggere

Il Coraggio e la Determinazione

Ospito con piacere l’articolo che segue, di Fabio Rossetti, un amico, praticante ed insegnante di diverse discipline, tra cui il WingTsun, con cui ho iniziato uno scambio di esperienze e di informazioni sulle Arti Orientali. Fabio è uno dei pochi ad aver raccolto l’invito lanciato da questo blog alla collaborazione, alla formazione orizzontale, allo scambio, […]

Continua a leggere

Conosci te stesso

Dopo l’ultimo post sull’equilibrio corpo-mente, Guido Mazzotta (Allievo, amico e compagno di allenamenti) mi ha chiesto di pubblicare lo scritto che segue, nel quale ha voluto condividere con tutti noi i suoi pensieri sull’Arte Marziale e sul rapporto che essa genera con l’Io più profondo dentro di noi. Lascio spazio al caro Pasquale, che ringrazio, […]

Continua a leggere

Equilibrio corpo-mente: 禪 in movimento

So per esperienza personale che non si possono fare teorie sul corpo né tantomeno insegnare tecniche di dinamica corporea, senza prima renderlo oggetto di ricerca. Il corpo, al contrario dei limiti che gli sono imposti dal contesto sociale, è capace di ricorrere ai cinque sensi comandati dalla mente – vista, udito, olfatto, gusto e tatto […]

Continua a leggere

La distanza ravvicinata del Chi Sau

La pratica del Chi Sau è stata spesso ritenuta inutile, alcune volte addirittura controproducente. Come sapete, io ho scritto diverse volte quale sia il senso di una pratica tradizionale, che possiamo ritrovare in diversi stili, con alcune varianti, ma oggi ne vorrei elogiare in maniera particolare l’ambito del corpo a corpo. Ho visto in pochissime […]

Continua a leggere

La finalità della pratica del Wing Chun Kuen

Parto dalla fine, tanto per chiarire subito la mia posizione. La finalità ultima della pratica del Wing Chun Kuen è quella di ottenere un perfetto equilibrio fra il corpo e la mente attraverso la pratica (sul Tatami o altrove) di un’ampia gamma di tecniche fisiche e di movimenti a corpo libero.  Uno può arrivare stanco […]

Continua a leggere

Le limitazioni fisiche: conoscere le proprie possibilità

Generalmente la cultura fisica si fonda sul presupposto della competenza del proprio corpo e della rivalità rispetto agli altri. Si suppone che questo costituisca uno stimolo al superamento dei propri limiti, ma si dimentica che è precisamente questa concezione quella che inibisce molte persone ad utilizzare il loro corpo ed a sperimentare cosa siano in […]

Continua a leggere

Lavorare sull’aggressività

È opinione abbastanza diffusa quella di considerare le pratiche sportive da combattimento e le Arti Marziali come generatrici di aggressività, nonché come culle per persone propense alla violenza. Si tratta di una credenza, lo sappiamo bene, eppure è talmente diffusa da risiedere addirittura nelle teste dei parenti di parecchi praticanti, che si preoccupano quando il […]

Continua a leggere